Gennarino.org ringrazia tutti gli utenti che hanno dato fiducia al nostro progetto per quasi 20 anni, e che, grazie al grande lavoro fatto da tutto lo Staff (rigorosamente a titolo gratuito), hanno portato il forum a diventare uno dei principali punto di riferimento degli appassionati di cucina del web italiano.
Purtroppo, causa motivi personali, non ho più modo di gestirlo e portarlo avanti. Il forum viene ora posto in uno stato di sola lettura: un archivio storico che permetta a chiunque di fruire di tutte le discussioni trattate.

*Maccu di Fave Verdi (Gic) - 180Kc

Come non deprimersi con piatti vuoti e verdurine bollite.
Regole del forum
Questo forum è in sola lettura e può essere considerato come un archivio di ricette con un contenuto calorico limitato. (continua)

*Maccu di Fave Verdi (Gic) - 180Kc

Messaggioda salutistagolosa » 18/03/2007, 19:56

Nota di salutistagolosa: la ricetta originale (da cui e' tratta la foto) e relativa discussione la trovate qui. Le parti in corsivo si riferiscono al procedimento in versione "diet"

Ricetta riferita alla spesa del 26 febbraio
Ingredienti (per due persone):
Fave fresche, 1,5 kg (parte edibile, 390g)
Finocchietto di montagna (riccio), 1 mazzo
Cipollotti freschi, 2 (50g)
Olio Extravergine di Oliva (4 cucchiaini, cioe' 20g)
Esecuzione:
Mondare le fave eliminando pure la seconda pellicina e il germoglio. Pulire il finocchietto separando le cime dal resto. In una pentola portare a bollore un litro d'acqua e cuocervi, per 5 minuti, il finocchietto, ad eccezione delle cime. In un tegame mettere uno dei due cipollotti e aggiungere le fave, coprire a filo con l'acqua della bollitura del finocchietto, e lasciar cuocere a fuoco lento sorvegliando che non si asciughi troppo (aggiungere altro brodo di finocchietto se necessario) e quando le fave cominciano ad essere tenere, iniziare a "maccare" col dorso di un cucchiaio di legno, aggiungendo sempre acqua di cottura del finocchietto. Alla fine si deve ottenere un poltiglia semiliquida, quasi del tutto ridotta in purea. Spegnere e lasciar riposare un paio d'ore. Lessare in acqua le cime del finocchietto, scolarle. Rimettere al fuoco la pignatta col macco (che nel frattempo si sarà asciugato e indurito) e con la poca acqua della seconda cottura del finocchietto allentarne un poco la consistenza e salare. Versare nelle fondine. Decorare il centro con le cime di finocchietto e anelli di cipollotto. Irrorare il piatto con due cucchiaini di olio extravergine e servire tiepido.
Immagine
qualche nota aggiuntiva: il piatto è originario della provincia di Ragusa, ma si fa in tutta la Sicilia. Si definisce dialettalmente "maccu favianu" per distinguerlo dal macco di fave secche, che si può fare tutto l'anno, mentre questo è tipico del periodo primaverile. Esiste una versione con pasta che, generalmente, è pasta fresca nel formato "maltagliati"; ma si può usare pure spaghetto spezzato, o linguine.

Il calcolo delle calorie si basa sui quantitativi in rosso accanto agli ingredienti)
kcal preparazione: 359.20, a porzione: 179.60
kcal/100g: 74.06
carboidrati preparazione: 21.83, a porzione: 10.91
proteine preparazione: 21.03, a porzione: 10.52
lipidi preparazione: 21.62, a porzione: 10.81
%carboidrati: 33.85
%proteine: 32.62
%lipidi: 33.53
salutistagolosa
 
Messaggi: 6482
Iscritto il: 13/08/2004, 19:37
Località: Fife, Scozia

Ti è stata utile questa discussione? Allora puoi ringraziarci condividendola sulle tue pagine social

In questo modo, ci aiuterai ad aumentare la popolarità di gennarino.org! Grazie! Condividi su Facebook

Torna a Se proprio ci tocca... Stare a Dieta

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

by Scatti Golosi

La redazione di questo forum è costituita anche da diversi blog che ne condividono il progetto, e cioè:
buzzoole code